Relazione di inizio mandato del Presidente Eugenio Antonio Correale

ORIZZONTI ED OBIETTIVI PER IL CORRENTE ANNO ROTARIANO

La presentazione dello stato dell’arte delle attività del club e dei prossimi obiettivi ha incipit affatto ovvio, dedicato ai nuovi soci: l’avv. De Biase, l’Avv. Garlaschelli, la Dottoressa Ferraro, il Dottor Ruggeri. A loro il caldo saluto di tutto il club; ai loro soci presentatori va il plauso per averne saputo determinare la scelta di entrare a far parte di un club tanto glorioso e ricco di tradizioni quanto propenso ad accogliere nuove linfe, nuove energie culturali e nuove sensibilità.

Per averli frequentati da alcuni lustri o, al contrario, in virtù di ben più recente conoscenza intendo ed apprezzo le capacità culturali e la precisa volontà di partecipazione attiva che caratterizza i neo soci; i presidenti delle Commissioni non mancheranno di coinvolgerli, così come tutti noi abbiamo il piacere di poter contare sul loro contributo di idee e di cordiale frequentazione. Ringrazio i Dirigenti che negli ultimi anni hanno guidato le azioni del club: i Presidenti che ne hanno conservato il prestigio, contenendo per quanto possibile gli effetti della generale congiuntura non entusiasmante; i tesorieri che hanno conservato il soddisfacente andamento delle nostre finanze. Per illustrare le positive azioni degli uni e degli altri basteranno brevi riscontri. Quanto all’effettivo: il numero dei soci è certamente diminuito negli ultimi due lustri, ma non è dato pensare ad una particolare crisi del nostro effettivo, sopra tutto ove si guardi ad esperienze con noi comparabili. Indicazioni favorevoli devono trarsi dai nuovi arrivi nel club, dei quali non ho ancora abbastanza segnalato i pregi per l’età e per i brillanti successi professionali. Quanto alle finanze, riporto la lapidaria risposta del nostro tesoriere alla domanda sul loro andamento: non abbiamo apprezzabili impegni con fornitori; continuiamo a far fronte con regolarità, correntezza ed immediatezza agli impegni di spesa. Non occorre dilungarsi oltre su temi che tra qualche istante troveranno sfogo nelle relazioni dei Presidenti delle commissioni, del Segretario, del Tesoriere e del Prefetto. Neppure occorre indugiare sul numero e sulla rilevanza dei services che sono stati approvati e che sono destinati a proseguire: i Presidenti della Commissione progetti e di quella dedicata all’azione giovanile stanno per offrirne rassegna precisa e completa. È utile anticipare per qualche verso i temi che saranno meglio ripresi da Fabio Ricchi (presidente commissione effettivo) e Carlo Maccheroni (presidente commissione pubblica immagine). I “loro” argomenti condizionano la scelta dei prossimi obiettivi del club e ne condizionano la reale praticabilità, talché è bene formulare succinte osservazioni:

1. L’UOMO: si guarda al tessuto connettivo della nostra associazione. Messa nell’ombra l’idea romantica ed anche ingenua della “famiglia” che dovrebbe avvolgerci, occorre pensare alle persone, alle loro aspirazioni, alle loro tendenze, ai loro desideri. Nulla si consegue per caso e anche i progressi in termini di attrattività esigono la preventiva analisi della situazione di fatto e l’elaborazione di strategie idonee a debellare punti di debolezza e ad incrementare i punto di forza. Il nostro R.C. non può essere assimilato ai pur rispettabilissimi enti commerciali; i suoi soci non sono chiamati ad “aprire porte e finestre” affinché qualunque alito di vento possa entrare e quindi non vi è ragione per immaginare campagne di avventuroso proselitismo. Si deve dar seguito, invece, alla sentita esigenza di migliorare la nostra immagine e la generale conoscenza del nostro sodalizio. Tali obiettivi presuppongono particolare cura nell’organizzazione dei nostri incontri, affinché che partecipa ne traggano esperienze gradevoli. Si pensa in particolare ai visitatori; le nostre conviviali possono costituire occasione di conoscenza e premessa ad ulteriori frequentazioni. Prima ancora di impostare più generale serie di iniziative, il Consiglio ha disposto di agevolare le visite di chi possibili candidati a far parte del club; i soci che intendano fruire di tali agevolazioni potranno prendere contatto con la segreteria per le opportune intese. Il Consiglio ha anche voluto che la partecipazione alle spedizioni dei “sabato amico” sia propiziata dalla disponibilità di mezzi di trasporto collettivo. Condividere è buona parola d’ordine: si attende quindi il contributo di tutti i soci per varare ulteriori iniziative; 2. Le istituzioni: occorre incrementare la partecipazione alle attività rotariane; occorre aumentare la capacità di farsi ascoltare dalle nostre istituzioni pubbliche e da quelle culturali e scientifiche. In non lontano passato il club contava al proprio interno molti dirigenti delle pubbliche amministrazioni e molti accademici. Occorre sforzarsi per tornare all’antico e, almeno, per migliorare il presente. In termini di partecipazione alle attività del nostro Distretto, il Milano Est ha già segnato qualche progresso rispetto al passato. Ricordiamo con piacere gli ottimi rapporti con l’AG Tiezzi e salutiamo con grandissimo apprezzamento la nostra Anna Fabbri. Ben quattro soci svolgono importanti ruoli a livello distrettuale e il nostro Prof. Spinelli (non a caso presidente della commissione Rotary Foundation) è stato insignito della più alta onorificenza rotariana a livello internazionale. È ben noto che nessuno dei nostri soci sgomita per assumere ruoli importanti o per forzare l’assunzione di incarichi. Anche in questo caso, peraltro, appare opportuno accompagnare i tempi e quindi la dirigenza del club è impegnata a segnalare a livello distrettuale il patrimonio di professionalità e di sapere rotariano che tra noi risiede; 3. Il servire: la centralità del servire indurrà ben tre presidenti di commissione ad occuparsi delle azioni in itinere, dei progetti pronti per essere avviati a realizzazione e delle meditazioni di maggiore respiro temporale. Un carissimo socio, che è stato primario ospedaliero e che è molto appassionato di Rotary ci avverte che la società articolata richiede progettualità anche per chi vuol far del bene e vuol farsi conoscere. La carità è per sua natura sommessa; le azioni in favore dell’uomo possono meglio andare a segno e possono trovare spazi maggiori se chi vi si impegna coglie l’importanza di farle conoscere e di diffonderne l’esempio. Il nostro Club ha costantemente seguito molteplici direttrici per i services, ma anche saputo assegnare preminenza a due o tre istituzioni particolarmente meritevoli. L’impostazione già avviata deve procedere oltre. Le idee viaggiano sulle gambe degli uomini e quindi non si teme di evidenziare che alcuni del nostri soci, per professione, per funzioni e per esperienze hanno titolo e possibilità per assumere un ruolo di speciale sostegno alla azione di tutta la dirigenza e del club.

Occorre rispettare le regole quindi si deve avere speciale riguardo ai termini. Il 15 ottobre scadrà il termine per chiedere i contributi distrettuali; più avanti scadranno quelli per i progetti globali. Il Tesoriere ha informato che negli anni passati il club ha maturato le condizioni per ottenere ascolto in “alto loco”. In conclusione: a. siamo impegnati per incrementare l’attrattività del club, sia per chi vi opera che per chi vi venga a contatto. Le prime misure già adottate potranno essere incrementate, per effetto delle indicazioni dei dirigenti e del club; b. siamo impegnati per farci conoscere dalle istituzioni pubbliche e dalle Università cittadine. Alcune conviviali segneranno la ripresa dei contatti con il nostro grande Politecnico; alcuni nostri dirigenti potranno rinnovare i fasti degli ottimi rapporti del club con altre Università e con altre istituzioni; c. non si intende dar luogo ad alcuna cesura rispetto ai services esistenti ma si vuole meglio focalizzare l’attenzione su alcuni partners tradizionali e sui nostri soci che possano propiziare iniziative importanti e di grande richiamo.

Il Presidente passa il microfono a Fabio Ricchi – Presidente Commissione Effettivo – che traccia quelle che ritiene siano le priorità da perseguire. – Ricerca di nuovi soci per le categorie professionali mancanti con una attenta valutazione del candidato. Statistiche riferite agli ingressi di nuovi soci dal 2001 al 2005 circa 40 dei quali ben 25 hanno lasciato il Club.

– Strategica è la conservazione dei soci attraverso l’interesse che suscitano le attività del Club, l’approfondimento della conoscenza dei soci, la collaborazione e l’amicizia che naturalmente si genera. Tutto deve passare attraverso una chiara esposizione di quello che sono i principi e gli scopi del Rotary che devono essere spiegati ancor prima di far entrare il nuovo socio. Importante è il piano d’azione per lo sviluppo che detta: – Identificazione del nuovo socio con una missione che deve essere di tutto il club specialmente dei nuovi soci per coinvolgerli ancora di più. – Presentazione del Rotary fatta attraverso una seria presentazione anche con mezzi audiovisivi. – Invito a partecipare alle nostre riunioni conviviali. – Ammissione dando grande enfasi alla cerimonia di ammissione. – Informazione e orientamento fatta in maniera continua. – Coinvolgimento nella vita del Club attraverso il supporto dei dirigenti del Club e del socio presentatore. – Formazione anche con la partecipazione agli incontri Distrettuali.  Dobbiamo stimolare la presenza dei soci assenti attraverso un’azione e, ove questo non produca effetti, chiedere la loro uscita dal Club, ponendoci come obiettivo il mantenimento del numero dei soci superiore a 70.  Estenderemo la collaborazione con le altre commissioni, in particolare con la commissione Pubblica Immagine perché è importantissimo avere un’immagine del Club che rafforzi il sentimento di appartenenza.

Carlo Maccheroni – Presidente Commissione Pubblica Immagine – dice che l’attività della sua commissione si svilupperà prevalentemente nell’ambito del Progetto Metropolitano “La formazione all’etica e alla legalità nelle scuole”. Promotore del progetto è il Distretto che su questo tema ha aggregato e rielaborato alcune delle proposte dei Club e l’ha scelto per il suo impatto nel rapporto con le principali Istituzioni della città metropolitana. Destinatari del progetto sono gli alunni di quinta elementare e delle tre classi delle medie, con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi sui temi della criminalità minorile, del bullismo (e del cyber-bullismo) e sui principi di etica per insegnare la conoscenza delle norme che regolano questi argomenti.

Nicola Sardi, per la commissione Amministrazione, legge i dati relativi al budget di previsione 2016/2017 e ne distribuisce alcune copie ai Soci.

Presidente della Commissione Programmi è Paola Canziani che presenta il suo programma:

“ Nel rispetto della continuità dell’impegno del Club nel sostenere i propri Service, il programma di questo anno vede il consolidamento delle iniziative già intraprese .
In particolare il nostro aiuto sarà rivolto a : Borse di studio per due studenti di medicina in Ciad : durante l’anno seguiremo i progressi scolastici e chiederemo dei report sulle attività svolte, consentendo così ai soci di seguire in modo attivo il loro percorso di studio . Nuovi Spazi al Servire : da anni siamo vicini a questa ONG, attiva nella cooperazione internazionale in America Latina, Asia e Africa e operativa in diversi settori strategici quali la sanità, la scuola, la formazione professionale , lo sviluppo del microcredito . Associazione Cometa : si occupa di accoglienza, educazione, formazione lavoro , proponendo un modello educativo che coinvolge bambini,ragazzi, le loro famiglie e il mondo del lavoro . CAM – Centro Ausiliario problemi minorili : è una realtà rotariana con una storia lunga e importante . Opera gratuitamente per soli fini di solidarietà a favore dei minori in difficoltà, collaborando con le Istituzioni ( Tribunale e Procura dei minorenni, Giudici tutelari ) e dando vita a una serie d’iniziative di sostegno per i minori, quali luoghi di ascolto, tutela dei diritti, orientamento professionale, borse di studio e di lavoro . Fondazione Fratelli di San Francesco d’Assisi Onlus : è un’istituzione conosciutissima a Milano, dedicata all’ accoglienza, assistenza, integrazione delle persone in difficoltà e senza dimora, con un motto molto significativo “in silentio charita”. Ne è Presidente il nostro socio prof. Giulio Cesare Maggi e alcuni soci medici prestano gratuitamente la propria attività professionale . Anche se il nostro sostegno a queste realtà potrebbe già apparire ampiamente sufficiente, sarebbe interessante pensare a qualche nuovo progetto che, piano piano, possa affiancarsi a quelli già in essere : sarà il compito di quest’anno che coinvolgerà non solo i soci della Commissione Progetti ma tutto il Club.

Demetrio Spinelli – Presidente Fondazione Rotary illustra la Proposta di Richiesta di Sovvenzione Distrettuale Distretto 2041 del Rotary International

Area d’ intervento: Salute – prevenzione e cura delle malattie Rotary Club coinvolti: RC Milano Ca’ Granda (capofila), RC Milano Est, RC Milano San Babila. Progetto: Screening della vista gratuiti per la popolazione, in collaborazione con Vision+ Onlus – Associazione Partner nel Servire dei Distretti 2041 e 2042 del Rotary International. Date: dal 13 al 16 ottobre 2016 dalle 10 alle 18 Luoghi: 13/10/2016 Esselunga Milano Losanna 14/10/2016 Esselunga Milano Rubattino 15-16/10/2016 Esselunga Milano Ripamonti 14/10/2016 Esselunga Prato Leonardo 15/10/2016 Esselunga Firenze Canova Perché Esselunga? Gli spazi per effettuare gli screening sono concessi a titolo gratuito. Sono luoghi di grande affluenza di pubblico, eterogeneo per fascia sociale e di età. Bernardo Meucci, per la Commissione Azione Giovanile presenta i punti d’intervento dove la commissione è impegnata: Operazione carriere Scuola lavoro Programma Virgilio Rotaract Ryla Borse di studio (Ottaviani) Biblioteche aperte Nave Italia Scambio Giovani

L’Assemblea approva per acclamazione il programma del Presidente e dei Presidenti di Commissione.

  • Eventi

    <<Giu 2019>>
    LMMGVSD
    27 28 29 30 31 1 2
    3 4 5 6 7 8 9
    10 11 12 13 14 15 16
    17 18 19 20 21 22 23
    24 25 26 27 28 29 30
  • Prossima conviviale

    • Conviviale
      26 Giu 2019 - 19:30
      Westin Palace
      Piazza della Repubblica, 20 20124, Milano
  • Bollettini

    5 Giugno 2019
    Presidente Giorgio Kobau
  • Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi